"Qui passo gli anni, abbandonato, oscuro, senz'amor, senza vita; ed aspro a forza tra lo stuol de' malevoli divengo: qui di pietà mi spoglio e di virtudi, e sprezzator degli uomini divengo..." (G. Leopardi)

mercoledì 31 agosto 2011

"Libya: A Premature Victory Celebration" | STRATFOR

Come sempre la storia si ripete e la politica internazionale non impara nulla dagli eventi passati.
Come al solito ci siamo congratulati a vicenda e abbiamo dichiarato concluso il conflitto in Libya, non importa se a dichiarare la fine della guerra siano stati tutti i paesi che hanno bombardato la Libya, solo per questioni di comodo, per salvare la faccia davanti all'opinione pubblica.

Poco importa se ha dichiarare la fine della guerra per conto dei governi sono stati i soliti mass media compiacenti, senza il cui appoggio fare la guerra diventa molto più complicato.

Sono i media compiacenti che ci ritagliano la scusa giusta da proporre agli elettori, sono i media che ci riferiscono notizie tendenziose e spesso non fondate.

Formalmente la guerra è finita come era finita prematuramente la guerra in Afghanistan e come prematuramente era stata dichiarata conclusa la guerra in Iraq.

Come al solito, come è successo per i talebani e per Saddam Hussain, Gheddafi è ancora latitante, Gheddafi gode ancora di appoggio da parte di alcune sacche di resistenza che andranno ad aumentare il numero di morti tra civili e militari. 

Tutto per una guerra basata sulla libera interpretazione di una Risoluzione (1973) dell'ONU che non prevedeva alcuna guerra, sul falso carattere umanitario dell'intervento armato, solo per impossessarci del petrolio e del gas di Gheddafi che l'Italia già gestiva grazie all'amicizia con il dittatore libico e che faceva "gola" a Francia e Inghilterra.

Congratuliamoci pure a vicenda per i 20.000 morti contati fino ad ora e da ora in poi cominciamo a contare le vittime innocenti del post-guerra.
Max
------


Libya: A Premature Victory Celebration is republished with permission of STRATFOR.
By George Friedman

The war in Libya is over. More precisely, governments and media have decided that the war is over, despite the fact that fighting continues. The unfulfilled expectation of this war has consistently been that Moammar Gadhafi would capitulate when faced with the forces arrayed against him, and that his own forces would abandon him as soon as they saw that the war was lost. What was being celebrated last week, with presidents, prime ministers and the media proclaiming the defeat of Gadhafi, will likely be true in due course. The fact that it is not yet true does not detract from the self-congratulations.

For example, Italian Foreign Minister Franco Frattini reported that only 5 percent of Libya is still under Gadhafi’s control. That seems like a trivial amount, save for this news from Italian newspaper La Stampa, which reported that “Tripoli is being cleaned up” neighborhood by neighborhood, street by street and home by home. Meanwhile, bombs from above are pounding Sirte, where, according to the French, Gadhafi has managed to arrive, although it is not known how. The strategically important town of Bali Walid — another possible hiding place and one of only two remaining exit routes to another Gadhafi stronghold in Sabha — is being encircled.

To put it differently, Gadhafi’s forces still retain military control of substantial areas. There is house-to-house fighting going on in Tripoli. There are multiple strongholds with sufficient defensive strength that forces cannot enter them without significant military preparation. Although Gadhafi’s actual location is unknown, his capture is the object of substantial military preparations, including NATO airstrikes, around Bali Walid, Sirte and Sabha. When Saddam Hussein was captured, he was hiding in a hole in the ground, alone and without an army. Gadhafi is still fighting and posing challenges. 

The war is not over.
It could be argued that while Gadhafi retains a coherent military force and significant territory, he no longer governs Libya. That is certainly true and significant, but it will become more significant when his enemies do take control of the levers of power. It is unreasonable to expect that they should be in a position to do so a few days after entering Tripoli and while fighting continues. But it does raise a critical question: whether the rebels have sufficient coherence to form an effective government or whether new rounds of fighting among Libyans can be expected even after Gadhafi’s forces cease functioning. To put it simply, Gadhafi appears to be on his way to defeat but he is not there yet, and the ability of his enemies to govern Libya is doubtful.

Immaculate Intervention
Given that the dying is far from over, it is interesting to consider why Barack Obama, Nicolas Sarkozy and David Cameron, the major players in this war, all declared last week that Gadhafi had fallen, implying an end to war, and why the media proclaimed the war’s end. To understand this, it is important to understand how surprising the course of the war was to these leaders. From the beginning, there was an expectation that NATO intervention, first with a no-fly zone, then with direct airstrikes on Gadhafi’s position, would lead to a rapid collapse of his government and its replacement with a democratic coalition in the east.

Two forces combined to lead to this conclusion. The first consisted of human-rights groups outside governments and factions in foreign ministries and the State Department who felt an intervention was necessary to stop the pending slaughter in Benghazi. This faction had a serious problem. The most effective way to quickly end a brutal regime was military intervention. However, having condemned the American invasion of Iraq, which was designed, at least in part, to get rid of a brutal regime, this faction found it difficult to justify rapid military intervention on the ground in Libya. Moral arguments require a degree of consistency.

In Europe, the doctrine of “soft power” has become a central doctrine. In the case of Libya, finding a path to soft power was difficult. Sanctions and lectures would probably not stop Gadhafi, but military action ran counter to soft power. What emerged was a doctrine of soft military power. Instituting a no-fly zone was a way to engage in military action without actually hurting anyone, except those Libyan pilots who took off. It satisfied the need to distinguish Libya from Iraq by not invading and occupying Libya but still putting crushing pressure on Gadhafi.

Of course, a no-fly zone proved ineffective and irrelevant, and the French began bombing Gadhafi’s forces the same day. Libyans on the ground were dying, but not British, French or American soldiers. While the no-fly zone was officially announced, this segue to an air campaign sort of emerged over time without a clear decision point. For human-rights activists, this kept them from addressing the concern that airstrikes always cause unintended deaths because they are never as accurate as one might like. For the governments, it allowed them to be seen as embarking upon what I have called an “immaculate intervention.”

The second force that liked this strategy was the various air forces involved. There is no question of the importance of air power in modern war, but there is a constant argument over whether the application of air power by itself can achieve desired political ends without the commitment of ground forces. For the air community, Libya was going to be the place where it could demonstrate its effectiveness in achieving such ends.

So the human-rights advocates could focus on the ends — protecting Libyan civilians in Benghazi — and pretend that they had not just advocated the commencement of a war that would itself leave many people dead. Political leaders could feel that they were not getting into a quagmire but simply undertaking a clean intervention. The air forces could demonstrate their utility in delivering desired political outcomes.

Why and How
The question of the underlying reason for the war should be addressed because stories are circulating that oil companies are competing for vast sums of money in Libya. These stories are all reasonable, in the sense that the real story remains difficult to fathom, and I sympathize with those who are trying to find a deep conspiracy to explain all of this. I would like to find one, too. The problem is that going to war for oil in Libya was unnecessary. Gadhafi loved selling oil, and if the governments involved told him quietly that they were going to blow him up if he didn’t make different arrangements on who got the oil revenues and what royalties he got to keep, Gadhafi would have made those arrangements. He was as cynical as they come, and he understood the subtle idea that shifting oil partners and giving up a lot of revenue was better than being blown up.

Indeed, there is no theory out there that explains this war by way of oil, simply because it was not necessary to actually to go war to get whatever concessions were wanted. So the story — protecting people in Benghazi from slaughter — is the only rational explanation for what followed, however hard it is to believe.

It must also be understood that given the nature of modern air warfare, NATO forces in small numbers had to be inserted on the ground from the beginning — actually, at least a few days before the beginning of the air campaign. Accurately identifying targets and taking them out with sufficient precision involves highly skilled special-operations teams guiding munitions to those targets. The fact that there have been relatively few friendly-fire accidents indicates that standard operational procedures have been in place.

These teams were probably joined by other special operators who trained — and in most cases informally led — indigenous forces in battle. There were ample reports in the early days of the war that special operations teams were on the ground conducting weapons training and organizing the fighters who opposed Gadhafi.

But there proved to be two problems with this approach. First, Gadhafi did not fold his tent and capitulate. He seemed singularly unimpressed by the force he was facing. Second, his troops turned out to be highly motivated and capable, at least compared to their opponents. Proof of this can be found in the fact that they did not surrender en masse, they did maintain a sufficient degree of unit coherence and — the final proof — they held out for six months and are still holding out. The view of human-rights groups that an isolated tyrant would break in the face of the international community, the view of political leaders that an isolated tyrant facing the might of NATO’s air forces would collapse in days and the view of the air forces that air strikes would shatter resistance, all turned out to be false.

A War Prolonged
Part of this was due to a misunderstanding of the nature of Libyan politics. Gadhafi was a tyrant, but he was not completely isolated. He had enemies but he also had many supporters who benefitted from him or at least believed in his doctrines. There was also a general belief among ordinary government soldiers (some of whom are mercenaries from the south) that capitulation would lead to their slaughter, and the belief among government leaders that surrender meant trials in The Hague and terms in prison. The belief of the human-rights community in an International Criminal Court (ICC) trying Gadhafi and the men around him gives them no room for retreat, and men without room for retreat fight hard and to the end. There was no way to negotiate capitulation unless the U.N. Security Council itself publicly approved the deal. The winks and nods that got dictators to leave in the old days aren’t enough anymore. All countries that are party to the Rome Statute are required to turn a leader like Gadhafi over to the ICC for trial.

Therefore, unless the U.N. Security Council publicly strikes a deal with Gadhafi, which would be opposed by the human-rights community and would become ugly, Gadhafi will not give up — and neither will his troops. There were reports last week that some government soldiers had been executed. True or not, fair or not, that would not be a great motivator for surrender.

The war began with the public mission of protecting the people of Benghazi. This quickly morphed into a war to unseat Gadhafi. The problem was that between the ideological and the military aims, the forces dedicated to the war were insufficient to execute the mission. We do not know how many people were killed in the fighting in the past six months, but pursuing the war using soft military power in this way certainly prolonged the war and likely caused many deaths, both military and civilian.

After six months, NATO got tired, and we wound up with the assault on Tripoli. The assault appears to have consisted of three parts. The first was the insertion of NATO special operations troops (in the low hundreds, not thousands) who, guided by intelligence operatives in Tripoli, attacked and destabilized the government forces in the city. The second part was an information operation in which NATO made it appear that the battle was over. The bizarre incident in which Gadhafi’s son, Seif al-Islam, announced as being captured only to show up in an SUV looking very un-captured, was part of this game. NATO wanted it to appear that the leadership had been reduced and Gadhafi’s forces broken to convince those same forces to capitulate. Seif al-Islam’s appearance was designed to signal his troops that the war was still on.

Following the special operations strikes and the information operations, western rebels entered the city to great fanfare, including celebratory gunfire into the air. The world’s media chronicled the end of the war as the special operations teams melted away and the victorious rebels took the bows. It had taken six months, but it was over.

And then it became obvious that it wasn’t over. Five percent of Libya — an interesting calculation — was not liberated. Street fighting in Tripoli continued. Areas of the country were still under Gadhafi’s control. And Gadhafi himself was not where his enemies wanted him to be. 

The war went on.
A number of lessons emerge from all this. First, it is important to remember that Libya in itself may not be important to the world, but it matters to Libyans a great deal. Second, do not assume that tyrants lack support. Gadhafi didn’t govern Libya for 42 years without support. Third, do not assume that the amount of force you are prepared to provide is the amount of force needed. Fourth, eliminating the option of a negotiated end to the war by the means of international courts may be morally satisfying, but it causes wars to go on and casualties to mount. It is important to decide what is more important — to alleviate the suffering of people or to punish the guilty. Sometimes it is one or the other. Fifth, and most important, do not kid the world about wars being over. After George W. Bush flew onto an aircraft carrier that was emblazoned with a “mission accomplished” banner, the Iraq war became even more violent, and the damage to him was massive. Information operations may be useful in persuading opposing troops to surrender, but political credibility bleeds away when the war is declared over and the fighting goes on.

Gadhafi will likely fall in the end. NATO is more powerful than he is, and enough force will be brought to bear to bring him down. The question, of course, is whether there was another way to accomplish that with less cost and more yield. Leaving aside the war-for-oil theory, if the goal was to protect Benghazi and bring down Gadhafi, greater force or a negotiated exit with guarantees against trials in The Hague would likely have worked faster with less loss of life than the application of soft military power.

Libya: A Premature Victory Celebration is republished with permission of STRATFOR.

Source: www.stratfor.com

martedì 30 agosto 2011

Informazione Spazzatura

Lunedì scorso durante il telegiornale della sera si RAI News, nel celebrare l'ingresso a Tripoli delle forse ribelli ostili a Gheddafi, propriamente appoggiate dalla devastazione della NATO, è comparso un cronista, inviato di RAI News, che nel commentare le notizie della caduta di Tripoli e del ritrovamento di centinaia di persone morte in chi sa quali circostanze, si è presentato davanti ai telespettatori italiani con un italiano stentato e vestito con una uniforme militare appartenente alle oramai distrutte forze di Gheddafi.

Con tanto di cappello dell'uniforme e con fare ironico e spavaldo, ha commentato la caduta di Tripoli come se commentasse uno spettacolo di cabaret. Questo inviato spiritoso che si permette di ironizzare sulla morte di centinaia di suoi compaesani è andato avanti per minuti e minuti vestito da militare libico, indossando la detta uniforme.

Si tratta di informazione o di buffonate. Si tratta di un giornalista o un pagliaccio? Un giullare ?
Che differenza fa? 
Questo è il tipo di informazione che la RAI propina a tutti gli italiani che pagano il canone. Questo è il genere di giornalisti che vengono pagati con i nostri soldi.

Da italiano che paga le tasse, ho il diritto, anche io di dire ciò che penso: che ci piaccia Gheddafi o che ci piacciano i ribelli, nessun cronista si dovrebbe permettere di ironizzare quando parla della morte di centinaia di persone e quando commenta fatti di guerra. Tanto meno dovrebbe camuffarsi da militare per apparire simpatico davanti al pubblico della televisione pubblica nazionale, quando una divisa militare ha comunque un significato più alto di una semplice pagliacciata.

Non so come si chiama quel giornalista altrimenti avrei scritto il suo nome. E' comunque un inviato di nazionalità libica che si permette di ironizzare sulla guerra che avviene nel suo paese. 
Complimenti a lui e a chi lo paga per questo tipo di informazione spazzatura.

Complimenti !!! 

giovedì 25 agosto 2011

Kosovo, epicentro europeo di droga


Nel suo intervento all’Accademia della polizia a Belgrado, il capo dell’Agenzia antidroga della Russia, ha annunciato che il Kosovo si trasforma nell’epicentro del traffico degli stupefacenti in Europa. Qui, ha aggiunto Viktor Ivanov, si intrecciano i flussi della cocaina che arriva dall’Africa, e dell’eroina che va dalla Turchia (si tratta di 50 tonnellate l’anno circa). Il reddito di questo traffico raggiunge i 3 miliardi di euro, il doppio rispetto al bilancio del Kosovo. 

Fonte: La Voce della Russia.
---- 
Questo dicono i numeri, questi sono i fatti.
Ma come è possibile che accada questo in un paese tra i più militarizzati d'Europa?
La NATO ha un contingente militare multinazionale che fino a pochi mesi fa contava su 16.000 militari, la Comunità Europea circa 2000 funzionari di polizia.
I soli Stati Uniti hanno in Kosovo la base militare più grande del mondo tra quelle fuori dal proprio territorio.


Eppure tutta la droga che avvelena le nostre strade transita impunemente dal Kosovo.
La Turchia blocca una grossa fetta dell'eroina in arrivo dall'Afghanistan, paese che dopo l'arrivo della NATO ha inspiegabilmente aumentato almeno di tre volte la produzione di droga. 
Altri importanti quantitativi sono sequestrati annualmente dai paesi europei, mentre in Kosovo neppure un grammo.


Chiediamoci chi ci guadagna? Chiediamoci perché il problema della droga passa in secondo piano mentre si continua a chiedere il riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo amministrato in prevalenza da criminali, indipendenza che non serve a nessuno anzi, non è mai esistita prima, a parte una larga autonomia regionale e crea solo problemi per l'ingresso nella Comunità da parte della Serbia.


Chiediamoci per l'ennesima volta se vale la pena spendere milioni di Euro ogni anno in un paese che ci ricambia solo avvelenando i nostri giovani e che, in oltre 10 anni di sussidi e assistenzialismo non è migliorato affatto anzi, è più fuori controllo di prima.


Chiediamoci perché, senza una attenta vigilanza militare internazionale, i Monasteri serbi-ortodossi del Kosovo (patrimonio dell'UNESCO) andrebbero distrutti da criminali nazionalisti musulmani-albanesi...


Per far fronte all'attuale crisi economica, sarebbe forse il caso di iniziare a risparmiare un po' di soldi che ad oggi sprechiamo in Kosovo senza risultati?
Max

domenica 21 agosto 2011

NATO war crimes in Zliten


Cos'è "l'informazione" e in che rapporto sta con la "contro informazione"?
Chi decide quale messaggio è informazione e quale è controinformazione?

Ci sono varie definizioni più o meno accademiche di informazione e controinformazione.

Alla fine tutto si riduce ad un concetto semplice. E' informazione ciò che ci piace, ciò che vogliamo sentire ciò che non ci pesa sulla coscienza ciò che non suscita domande ed è ben rappresentato.

Al contrario è controinformazione quella prodotta dai "cattivi", quella scomoda che mostra un'altro aspetto degli stessi fatti, tutto quello che, una volta che ne siamo consapevoli ci pesa sulla coscienza, tutto ciò che ci fa sorgere un dubbio.

Informazione e controinformazione come vengono oggi riferite, sono due facce della stessa medaglia. Mostrano punti di vista diversi, diverse prospettive e danno colpe e meriti reciprocamente a parti invertite.

Controinformazione e informazione vengono definite in base a ciò che vogliamo credere...

La vera discriminante sta nella valutazione delle fonti informative.

E' informazione l'inviato speciale che ci fa vedere solo primi piani su se stesso mentre ci  racconta di aerei che bombardano senza farceli vedere?
No. E' solo il punto di vista dell'inviato speciale o la storia che vuole farci credere perché pagato da qualcuno o per la sua gloria personale. Un punto di vista che non ha mai provato e mai supportato con immagini credibili. E' informazione o solo un tentativo di dirigere l'opinione pubblica?

L'informazione deve avere delle fonti a cui si possa risalire, persone, immagini, video, testimonianze, reperti.

La controinformazione viene creata ad hoc per indirizzare l'opinione pubblica verso scelte politiche che necessitano di pubblico appoggio o di giustificazioni politiche che non pregiudichino le future campagne elettorali.

Nessuno ne rivela le fonti, nessuno allarga il campo della macchina da presa sulla realtà ma rimane su un primo piano, un campo stretto sulle solite rovine, sul solito carro armato distrutto da inquadrare da tutti i lati per far sembrare che ce ne siano molti.

Informazione e controinformazione... In mancanza delle fonti e della loro attendibilità, informazione e controinformazione hanno lo stesso peso.

In mancanza di onestà, da parte di chi produce notizie e le riporta, l'unica fonte attendibile diventano i nostri stessi occhi... l'univa vera fonte di informazione.

Per questo, deve essere lecita almeno la possibilità di ascoltare tutte le versioni, anche quelle che, come in questo filmato, ci fanno sembrare "brutti e cattivi"...  nella speranza, sempre più vana, di non essere proprio noi "gli orchi" responsabili di tante atrocità.

Quote of the day - Frase del giorno


IL PRIMO BENE DI UN POPOLO
E' LA SUA DIGNITA'
Cavour

Potrebbe essere un principio da tener presente in quei paesi afflitti da lunghe dittature come Sirya e Yemen, ma applicabile anche a paesi come Cuba. 

Potrebbe essere anche un principio ottimo da applicare in politica estera per molti paesi occidentali, nei rapporti con paesi più deboli o arretrati e nei rapporti con paesi non allineati, bombardati e invasi nel tentativo di assoggettarli alle nostre esigenze politiche di sicurezza e pretese economiche. 

Il riferimento a Serbia, Afghanistan, Iraq e Libya non è casuale. 
Max

venerdì 19 agosto 2011

TMNews - Somalia/ I bambini muoiono in silenzio all'ospedale Banadir

Non si può credere a ciò che sta succedendo.

In Somalia ci sono 3,6 milioni di persone che muoiono di fame e di queste 1,2, milioni sono bambini.
1,2 milioni lo sapete quanti sono? 1.200.000... sono un numero incredibile. Sono così tante le vittime innocenti della fame, della carestia e da ora anche del colera!

Dove sono gli aiuti? Cosa è venuto fuori dalla famigerata "riunione in emergenza della FAO" tenuta alcune settimane fa? Chi si sta occupando di tutti questi bambini che muoiono e soprattutto perché i soldi stanziati, donati, elargiti, non arrivano ad essere spesi per il loro scopo? Dove vanno a finire?

Una parte sicuramente nelle cene con oltre 200 invitati tenute dal Presidente  Transitorio somalo. I politici non muoiono di fame... neppure in Somalia.

Cerchiamo di capire anche come fa a fiorire un mercato parallelo di aiuti umanitari che anziché essere dispensati a chi ne ha bisogno, vengono venduti ai mercati neri?
Come si fa a perdere traccia di tonnellate di aiuti quando ci sono persone assunte e pagate per portare gli aiuti umanitari a destinazione ed organizzarne la distribuzione

Dove sono i paladini della giustizia come Sarkozy e Obama? Pronti a bombardare chiunque non la pensa come loro ma indifferenti davanti a milioni di vite innocenti che si spengono in silenzio?

Di tutte queste vite andate perdute un giorno Dio (qualunque sia il vostro Dio) ne chiederà conto a tutti e punirà tutti nella misura in cui siamo responsabili di aver fatto morire di fame dei nostri simili quando nella Comunità Europea, si limita la produzione di latte distruggendo gli esuberi, si distruggono con i bulldozer raccolti interi di agrumi, si danno contributi ai contadini per non coltivare la terra.

Ma come è possibile tutto questo? Possibile che si riesca ancora a fare finta di niente? Possibile che chi deve (o dovrebbe) aiutare queste persone riesca ancora a dormire tranquillo?
Max
----

TMNews - Somalia/ I bambini muoiono in silenzio all'ospedale Banadir

L'ultimo, Mohamed, 2 anni, è arrivato troppo tardi

Mogadiscio, 18 ago. (TMNews) - Mulmilla ha dolcemente chiuso gli occhi di suo figlio di due anni, ha avvolto il suo corpo scheletrico in una coperta ed è uscita dall'ospedale per seppellirlo: come altri bambini vittime della carestia somala, anche il piccolo Mohamed è arrivato troppo tardi all'ospedale Banadir di Mogadiscio per essere salvato.

Mio figlio è morto", ha detto Mulmilla prima di lasciare il reparto pediatrico dell'ospedale, sotto lo sguardo distratto degli infermieri che devono prestare cure urgenti a un'altra decina di bambini che lottano tra la vita e la morte. Tutti affetti da malnutrizione grave.

Secondo stime Onu, sono circa 3,6 milioni i somali che oggi rischiano di morire di fame a causa della siccità e della carestia che hanno colpito il Paese; di questi 1,2 milione sono bambini.

All'ospedale Banadir arrivano tante mamme in fuga dalle campagne devastate dalla carestia, con i loro lattanti in braccio, esauste dopo giorni o settimane di marcia. L'ospedale, un edificio fatiscente senza acqua potabile né elettricità, rappresenta oggi l'ultima speranza per quanti vi arrivano: "Facciamo ciò possiamo", sospira Asli Ali, un'infermiera occupata a infilare sondini nel naso di bambini troppo deboli per alimentarsi da soli. "Arrivano tutti i giorni e tanti sono troppo malati", ha aggiunto.

Un'ora prima della morte di Mohamed, altri tre bambini sono deceduti nell'ospedale. Come Mulmilla, fuggita dalla carestia che ha colpito la sua regione, la Bassa Shabelle, per raggiungere Mogadiscio, più di 100.000 persone si sono riversate nella capitale negli ultimi due mesi. "Sono troppi per potercene occupare", denuncia l'infermiera, indicando le assi di legno trasformate in letti per accogliere i bambini, mentre altri giacciono semplicemente a terra.

L'ospedale è tanto affollato che manca anche lo spazio per separare i bambini colpiti dal morbillo da quelli risparmiati dall'infezione virale. Negli ultimi giorni sono stati registrati anche casi di colera o dissenteria acuta, ma nonostante il sovraffollamento, nell'ospedale regna il silenzio, rotto solo da qualche colpo di tosse.

(fonte Afp)
Article from: www.tmnews.it

giovedì 18 agosto 2011

"Il Bambino Che Leggeva il Corano"

E' la storia di un ragazzo nato in Pakistan. Abir Ul Islam (Profumo dell'Islam), il cui padre aveva fatto un patto con Dio che, se gli avesse dato un altro figlio maschio, questo figlio avrebbe vissuto per l'Islam e al servizio di Dio. 

Il libro è soprattutto un viaggio dentro certi aspetti dell'Islam e certi aspetti del credo islamico, modi di intendere la religione, atteggiamenti estremisti, atteggiamenti moderati e modi di interpretare il Corano e gli stati d'animo che si creano intorno a questo, che solitamente non trapelano da chi professa la fede islamica e non sono conosciuti al di fuori di essa. Questo rappresenta forse l'aspetto più interessante della lettura.

La storia abbraccia vari periodi della vita dell'autore, da quando da bambino viveva in Pakistan e frequentava una "Madrassa", al trasferimento negli Stati Uniti con i genitori, alle diverse scuole e Università frequentate, ai vari pensieri e interpretazioni dell'Islam maturate sulla base dell'esperienza di vita, alle iniziative intraprese per non venir meno a quel giuramento fatto dal Padre davanti a Dio, che ha influito in tutte le fasi della crescita dell'autore.

mercoledì 17 agosto 2011


Non è necessario credere 
in una fonte innaturale del male:
gli uomini da soli 
sono perfettamente capaci di qualsiasi malvagità.


- - - -
It's not necessary to believe
in a supernatural source of evil: 
men alone 
are quite capable of every wickedness.
Joseph Conrad

martedì 16 agosto 2011

Palio dell'Assunta - Siena 16 Agosto 2011

Vince la Contrada della "Giraffa" con Fedora Saura


Il Palio di Siena del 16 Agosto viene corso in onore dell'Assunta e viene portato al suo cospetto nel Duomo di Siena dalla Contrada vincente.



lunedì 15 agosto 2011

TMNews - Nello Yemen scontri tra al Qaida ed esercito: 12 morti a Zinjibar

Sono notizie oramai quotidiane, "scontri in Yemen, morti e feriti". 

In Yemen ci sono tribù che fomentano proteste contro il regime di Saleh, polizia del regime che uccide manifestanti, esercito yemenita che subisce attacchi da parte di membri di Al-Qaeda, offensive dell'esercito contro cellule di Al-Qaeda, "droni" americani.che bombardano gruppi di terroristi islamici. 

L'importante sarebbe non abituarsi, non considerare tali tragiche notizie come la normalità. Scontri, morti e feriti proseguono oramai da diversi mesi e sembra che l'interesse internazionale dietro alla situazione yemenita sia giunta ad una situazione di stallo o per meglio dire di accettabilità. 

Non c'è nessuna intenzione di fermare né il regime di Saleh, né i manifestanti a Sanaa, per ora c'è solo un certo interesse a contrastare il terrorismo islamico e probabilmente questo è l'unico interesse internazionale in Yemen, "che gliene frega all'occidente di qualche dimostrante ucciso o qualche soldato morto"... l'importante è tenere alta la guardia contro il potenziale nemico islamico... 
Max

TMNews - Nello Yemen scontri tra al Qaida ed esercito: 12 morti a Zinjibar
Aden, 14 ago. (TMNews) - Cinque soldati e sette presunti membri di al Qaida sono morti ieri sera durante gli scontri avvenuti intorno a Zinjibar, capoluogo della provincia di Abyan, roccaforte dei ribelli, nel sud dello Yemen. Lo ha annunciato una fonte militare.

Più a sud, a Dofes, due presunti membri di al Qaida sono stati uccisi dalle truppe governative; due soldati sono rimasti feriti. Venerdì, secondo una fonte locale, dieci ribelli sono stati uccisi nel bombardamento di tre zone rurali della regione: al-Koud, al-Mousaymir et Hesn Chaddad.(con fonte Afp) Pca

Article from: www.tmnews.it

domenica 14 agosto 2011

SUDAN: il Sud Kordofan: nuovo "punto caldo" della regione | Agenzia FIDES

Le lotte interne all'ex Sudan continuano nelle zone di confine tra i due nuovi stati del Nord Sudan e Sud Sudan, scaturiti dal referendum del Gennaio 2011.

La zona ancora oggi contesa è il Sud Kordofan che si trova al confine (ancora da determinare con chiarezza) tra i due stati indipendenti del Nord Sudan e Sud Sudan.

Il Kordofan è una estesa regione localizzata al centro del territorio sudanese. La stessa è divisa in tre aree rispettivamente Nord Kordofan, Est Kordofan e Sud Kordofan.

Del Sud Kordofan fa parte il distretto di Abyei che rappresenta uno maggiori bacini petroliferi al confine tra i due stati sudanesi.

La regione è abitata da popolazioni tribali stanziali tra cui:

- i Nuba, popolazione che prende il loro nome dai monti Nuba del Sud Est Kordofan e che alimenta il movimento dissidente conosciuto come Moviemento per la Liberazione del Sudan (SPLM); 

- i Dinka che rappresentano uno dei maggiori gruppi etnici del Sudan Meridionale;

- e alcune tribù semi-nomadi che trascorrono parte dell'anno nell'area. 
Max
----- 

2011-08-11
SUDAN - Il Sud Kordofan: nuovo “punto caldo” della regione

Khartoum (Agenzia Fides)- Il Sud Kordofan, regione del nord Sudan al confine con il Sud Sudan (da poco diventato indipendente) sembra essere diventato il nuovo “punto caldo” che minaccia la stabilità del regime di Khartoum.

In questa area dall’inizio di giugno violenti combattimenti oppongono le truppe sudanesi ai ribelli Nuba che avevano combattuto affianco dei sudisti durante la guerra del 1983-2005. I ribelli Nuba del sud Kordofan sono infatti raccolti sotto la sigla del Sudan People’s Liberation Movement-North (SPLM-N), nato come sezione del SPLM, il movimento di guerriglia che agiva nel sud Sudan e che ora è al potere in Sud Sudan. 
Secondo quanto riporta il quotidiano “Sudan Tribune” l’SPLM-N è in avanzata trattativa con due movimenti di guerriglia che operano nel Darfur (ovest del Paese) per unire le forze al fine di rovesciare il regime di Khartoum. Il 7 agosto i tre gruppi ribelli hanno annunciato la costituzione del Sudan’s Revolutionary Front Alliance (SRFA), il cui obiettivo è il rovesciamento del regime del National Congress Party (NCP il partito al potere a Khartoum) per poi dare vita ad uno Stato liberale e laico.
La gravità della situazione nel sud Kordofan è stata sottolineata dall’emissario statunitense Princeton Lyman, che teme un allargamento del conflitto ad altre aree della regione e persino al Sud Sudan, visto i legami esistenti tra i combattenti Nuba e quelli sudisti.
Il governo di Khartoum è accusato di condurre bombardamenti contro la popolazione civile. Il sito del Sudan Catholic Radio Network riporta la testimonianza di un sacerdote, il cui nome non è stato pubblicato per motivi di sicurezza, che afferma che Khartoum ha inviato 500 spie nel Sud Kordofan per coordinare i bombardamenti. Le spie sarebbero dotate di telefoni satellitari con i quali trasmettono le coordinate degli obiettivi da colpire. 
Nel frattempo continuano gli sforzi negoziali dell’Etiopia per giungere ad un cessate il fuoco nella regione, dopo che, a luglio, è fallita la mediazione intrapresa dall’ex Presidente sudafricano Thabo Mbeki. (L.M.) (Agenzia Fides 11/8/2011)

English version: http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=29638&lan=eng

sabato 13 agosto 2011

Libya, where NATO loses its way - English pravda.ru

Libya, where NATO loses its way - English pravda.ru

L'articolo a cui fa riferimento il link è stato pubblicato il 31.07.2011 su english.pravda.ru.
La traduzione in italiano è disponibile sul sito www.ecplanet.com all'indirizzo www.ecplanet.com/node/2621. Ne riportiamo di seguito solo un passo perché è molto lungo

Il punto di vista dell'autore è molto esplicito e colorito, si tratta di una opinione ma gli stessi argomenti sono stati trattati anche da altre fonti aperte in passato... per citare Giulio Andreotti: "a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca".
Max


.... dal 1990 abbiamo visto sempre più come la NATO procedeva e cosa era. Aveva preso la forma della prostituta armata delle lobby che controllano il sistema capitalistico nel mondo: quelle bancarie, delle armi, della droga, dell'energia.
In una decade di dissoluzione volontaria dell'URSS e conseguente dissoluzione del Patto di Varsavia, la NATO aveva già iniziato le fondamenta della base europea del commercio internazionale di eroina: il Kosovo. L'80-90 per cento del commercio di eroina europea giunge attraverso il Kosovo, dalla Turchia, dall'Afghanistan.
In Afghanistan, la produzione dell'eroina è salita di 40 volte, da quando la NATO ha cominciato a combattere le forze che aveva creato negli anni '80 (i Mujaheddin) per combattere il governo socialmente progressista, distruggere la società che garantiva diritti ai bambini, alle donne e libertà che le genti oggi non hanno.
Vediamo ora dove sta la NATO: insieme ai terroristi (il KLA era una organizzazione terroristica, i Mujaheddin divennero poi i Talebani) e fa la supervisione del commercio di eroina che, tra l'altro, vale miliardi di dollari all'anno.
Alla NATO non interessa quante famiglie distrugge in questo suo processo. Attraverso la manipolazione della paura (creando in successione dei “loro” per giustificare i “noi”) la NATO ce l'ha fatta a controllare l'opinione pubblica e a mantenere se stessa sull'agenda politica dei suoi stati membri; senza essere stata eletta può tuttavia controllare le loro politiche estere (quanto costituzionale è questo?)
Fino all'Iraq, la NATO è riuscita a governare mentalmente una certa immagine di credibilità per coloro che avevano preso per vere le stron... della minaccia sovietica. Dopo l'Iraq, non più. L'assassinio di massa dei civili Iracheni, le torture, la detenzione illegale delle persone, gli stupri, il disprezzo della vita umana, lo spiegamento di hardware militare contro le strutture civili e molto altro ancora ha fatto la NATO.
Ed ora la LIBIA. Era palese sin dall'inizio che era un'altra operazione NATO. Questa volta non per droga ma per il petrolio e molto di più: la presa di posizione di Mu'ammar Gheddafi nel forgiare una unità africana attraverso l'African Union per consentire alle nazioni africane di stare in piedi da sole e non essere sistematicamente violentate dagli ex poteri colonialisti o neo tali, significava che la lobby bancaria veniva tagliata fuori, come quella energetica e quella delle armi.
Il nome del gioco è distruggere l'African Unione sostituirla con l'AFRICOM. I molti progetti umanitari e i programmi finanziati da Mu'ammar Gheddafi non interessano alla NATO perché la NATO non ha interesse nel benessere degli Africani: vuole solo controllare le risorse dell'Africa.
È il modo sinistro in cui la NATO implementa la politica la rende l'organizzazione più odiata. sul pianeta....

venerdì 12 agosto 2011

Ancora punti di vista... il rischio è andare fuori dal tema portante.

L'UNICEF ultimamente sta promuovendo l'attenzione mediatica sulla così detta "emergenza istruzione" dei bambini somali. Secondo l'UNICEF, appunto, sarebbero 200.000 i bambini che non vanno a scuola.

Certo che detto fuori dal contesto generale della Somalia questo fatto potrebbe rappresentare un'emergenza.
Conoscendo quello che succede in Somalia non è altro che uno dei tanti problemi e neppure di primaria importanza.

In Somalia negli ultimi 90 giorni sono morti oltre 29.000 bambini (fonti USA), se questi andavano a scuola, cosa di cui dubito, adesso ci sono 29.000 assenti in più e secondo l'UNHCR sarebbero circa 640.000 i bambini affetti da malnutrizione acuta. 

Si potrebbe provare a mandarli tutti a scuola in queste condizioni ma non credo che sarebbero predisposti ad imparare molto. 

Inoltre ci sono 1.300 famiglie somale alla settimana che tentano di raggiungere il campo profughi in a Dadaab in Kenya. Viaggi stremanti di settimane. Famiglie in fuga con i loro figli al seguito in condizioni penose.

Cosa vorrebbe l'UNICEF per far fronte all'emergenza istruzione? Far trovare ai profughi delle scuole a metà strada tra Mogadiscio e il Kenya per ripassare un po' di matematica?

Mi sembra estremamente fuori luogo in questo momento parlare di "emergenza" in merito all'istruzione in Somalia. 

Quando i bambini muoiono... e 29.000 sono un numero orribilmente enorme che fa venire i brividi.. parliamo pure di problema istruzione tra gli altri problemi secondari, ma non distogliamo l'attenzione dalle emergenze vere...

L'emergenza da fronteggiare è che la gente muore e come al solito le contromisure prese non sono efficaci come dovrebbero.

giovedì 11 agosto 2011

mercoledì 10 agosto 2011

Somalia: Navi sequestrate e riscatti.

Il business dei pirati somali è oramai noto a tutto il mondo. Milioni di Euro e Dollari in riscatti per navi dirottate e sequestrate nell'Oceano Indiano, uno dei business illeciti più prolifici di tutta l'Africa e un danno notevole per l'economia mondiale.

Meno nota è la mancanza di efficacia delle missioni internazionali che dovrebbero contrastare il fenomeno "pirati", la Missione "Atalanta" implementata dalla Comunità Europea e la Missione "Ocean Shield" della NATO.

Ancora meno noto è quale sia il rapporto tra costo e risultati di queste missioni. Al momento ci sono almeno 20 navi sequestrate ancora in mano ai pirati e ancorate vicino alle coste somale.

Tra queste ci sono due navi di proprietà di armatori italiani, la "Savina Caylyn" e la "Rosalia D'Amato". Gli equipaggi delle navi italiane sono composti anche da connazionali che recentemente hanno avuto modo di comunicare con l'Italia e far conoscere la tragicità della loro situazione.

Sono praticamente prigionieri di criminali che li fanno vigilare da bambini soldato di poco più di 15 anni "fatti" di chi sa quale droga e armati fino ai denti, litigiosi e tutto tranne che affidabili, specialmente con un'arma in mano. Razioni di cibo sempre più scarse e impazienza crescente per un riscatto richiesto e che non arriva, completano il quadro della situazione in cui vivono i mostri marinai.

Questa drastica situazione ci fa fare alcune considerazioni:
La prima, purtroppo ovvia, è che nonostante le campagne, le missioni e le iniziative di ONU e UNICEF per la salvaguardia dell'infanzia e i diritti dei bambini, continuano ad esistere molti luoghi dove i bambini vengono presi e reclutati come miliziani (la Somalia è solo uno degli esempi ma avviene in molti paesi africani), senza che questo scempio venga contrastato tranne che a parole e con iniziative evidentemente insufficienti a risolvere il problema.

La seconda riguarda un paragone con la gestione di casi di rapimento precedenti che hanno coinvolto nostri connazionali.

A settembre del 2004, furono liberate le famose "due simone". Due "operatrici umanitarie" che lavoravano in Iraq contrariamente a qualsiasi regola di buonsenso dato che si trovavano in un territorio di fatto in guerra, a prestare i loro servigi umanitari come se si trovassero nella zona più tranquilla del mondo. Per le due simone, come riferito dai media all'epoca dei fatti, fu pagato un riscatto.
Bene...alla fine della storia conclusa positivamente, nonostante sia poco intelligente trovarsi in zona di guerra senza essere militari, nonostante la cifra che probabilmente ci sono costate e il rischio che sicuramente qualcuno ha corso per liberarle, si sono permesse anche di criticare il Governo italiano che le ha tirate fuori dal quel bel casino in cui si erano messe.

Nel 2007 un'altro "furbone" italiano è stato rapito, questa volta in Afghanistan. A finire vittima dei Talebani fu tale giornalista di una rinomata testata italiana.
Non si sa in base a quali necessità o in base a chi sa quale esigenza di informazione, il giornalista si trovava in Afghanistan in cerca di gloria, proprio in un momento in cui si poteva andare in qualsiasi altro luogo nel mondo ma non in Afghanistan, a meno di essere un militare inviato in missione o un pazzo scatenato.
Infatti questo reporter fu rapito dai Talebani e liberato tempo dopo grazie alla mediazione di Emergency.
Come risultato ci fu l'ennesimo riscatto pagato, almeno così dicevano i media (e così dicevano anche gli alleati contrari a compromessi economici con i talebani), lo stesso rischio necessariamente corso da qualcuno per le trattative e le operazioni  di liberazione, tutto questo per uno che poteva starsene a casa senza che nessuno lo cercasse..

Considerando quanto ci sono costate le due "operatrici umanitarie contestatrici del Governo" rapite in Iraq e il "giornalista d'assalto" rapito in Afghanistan, solo per parlare di casi andati a buon fine, credo che per i nostri 5 marinai e padri di famiglia rapiti in Somalia, si potrebbe anche scendere ad un compromesso e pagare il riscatto ai pirati Somali. 

Sicuramente non pagando i soldi che chiedono i rapitori, non riusciremmo comunque ad inficiare il bilancio milionario del "business della pirateria" e riusciremmo a riportare a casa i 5 lavoratori che si sono trovati i questa situazione per inderogabili esigenze di lavoro e non per qualche sfizio o idea retorica che poteva essere valutata meglio e attuata in momenti più propizi. 

Non voglio dire che il lavoro umanitario o l'informazione siano cose inutili, anzi ritengo che siano fondamentali in un mondo come il nostro dove i bisognosi sono tanti e le notizie attendibili sono poche. 
Intendo dire solamente che ogni iniziativa va valutata bene da tutti i punti di vista (non secondario la sicurezza) ed evitare avventure infelici o dimostrazioni di furbizia quando non è il caso.

Alla fine per salvare le due pacifiste in Iraq sono servite le armi e i soldi. Stessi strumenti che sono stati necessari per salvare il giornalista sprovveduto in Afghanistan. Oltre a qualcun'altro che ha rischiato la pelle per salvarli tutti.

Speriamo che in questo momento di crisi economica si trovino dei soldi per salvare anche i nostri marinai e padri di famiglia in Somalia ed evitare spargimenti di sangue.

lunedì 8 agosto 2011

Thomas Woodrow Wilson


DIVENTIAMO GRANDI 
GRAZIE AI SOGNI.

Thomas Woodrow Wilson
n. 23.12.1856 - m. 03.02.1924
US President from 1912 to 1920

T.W. Wilson democratico, Governatore del New Jersey, viene eletto Presidente degli Stati Uniti nel 1912. 

Presidente riformatore ha portato avanti un programma politico di riforme per la tutela dei diritti dei lavoratori.

Wilson è il Presidente che ha guidato gli USA attraverso al Prima guerra mondiale e attraverso le trattative di pace di Versailles.

Autore della proposta di fondare la Società delle Nazioni nel 1918, Wilson è anche autore dei "14 punti" che guidarono la sua azione politica durante le trattativive di Versailles.

Ispirato alla rimozione delle barriere doganali, alla liberazione del traffico marittimo e alla riduzione degli armamenti, nei suoi 14 punti Wilson segna anche una linea guida alla restaurazione dei confini di paesi europei quali Belgio, Francia, Romania, Montenegro e Serbia, auspicandone la completa liberazione dagli invasori e la loro legittima indipendenza, oltre alla creazione di uno stato polacco la cui esistenza venisse garantita da accordi internazionali.


Ironicamente la Società delle Nazioni creata nel 1919 su proposta di Wilson, non vide l'adesione degli Stati Uniti per il parere contrario del Congresso.


Thomas Woodrow Wilson muore a Washington il 3.02.1924.


Fautore di grandi iniziative di pace e grandi idee per mantenere la pace, chi sa cosa penserebbe del mondo di oggi a meno di un secolo dalla sua scomparsa...

sabato 6 agosto 2011

Gara podistica di 10 Km a Travale (Grosseto)

Ebbene si, dopo mesi di inattività, a parte qualche calcio al pallone, oggi mi sono iscritto alla Gara Podistica UISP di Travale in provincia di Grosseto. Circa 10 Chilometri di corsa per le colline della Maremma Toscana.

A dire il vero anche qualche bella salita ma un bellissimo panorama.

L'obbiettivo non era quello di vincere o piazzarsi con i primi (ovviamente), ma era di arrivare al traguardo per avere un riscontro sullo stato di forma. Il riscontro c'è stato, 58 minuti contro 33 minuti dell'atleta che ha vinto. In pratica una "disfatta agonistica", ma almeno sono arrivato alla fine in condizioni accettabili e neanche ultimo :-).

Dopo la gara, cena tra amici nella piazza del paese, bella compagnia e ottima cucina toscana che mi ha fatto dimenticare il "mal di gambe".

Asia Times Online :: A secret war in 120 countries

Asia Times Online :: A secret war in 120 countries

L'articolo a cui conduce il link è pubblicato sul sito www.atimes.com
La traduzione in italiano è disponibile sul sito www.ComeDonChishotte.org, cliccando su questo link

Si tratta solamente di un articolo di giornale on-line ma non sembra una storia inventata o una cronaca faziosa di qualche Duilio che ci racconta quello che vuole inquadrando se stesso, si tratta in effetti di un'intervista con alcuni personaggi che fanno parte dell'ambiente.

In ben 120 paesi nel mondo c'è un contingente o un commando o una unità segreta degli Stati Uniti che porta avanti operazioni militari, raid o addestramenti di varia natura.

Operazioni palesi come in Afghanistan o Iraq, operazioni più velate ma che trapelano come in Somalia e Yemen o addirittura operazioni segrete di cui non si sa nulla come è successo in Pakistan con l'omicidio di Bin Laden e in chi sa quanti altri paesi nel mondo.

Un articolo su un giornale on-line non è "La Bibbia", merita comunque darci un'occhiata per capire la vera portata del fenomeno "guerra" in tutto il mondo. 

Ciò che non si capisce (magari dovrebbe spiegarlo al resto mondo il Premio Nobel per la Pace Barak Obama), è il motivo di tutte queste guerre e di tutti questi interventi degli Stati Uniti in 120 paesi del mondo. 

Tutto questo intervenire con la forza ovunque e comunque, decidendo unilateralmente su dove e come intervenire e soprattutto ai danni di chi, denota forse una certa paura del prossimo?
Paura di essere conquistati da chi sa quali forze ostili ed oscure?
Tutta questa caccia ai fantasmi sembra oramai un po' esasperata e rivolta a troppi potenziali nemici.

Forse per Obama l'unica razza di cui non si deve aver paura è quella americana e quando si parla di altri popoli o sono utili alla causa americana o sono sacrificabili ad essa o sono ostili e quindi da eliminare. 

Storicamente si ricordano altre figure che in maniera più eclatante la pensavano all'incirca allo stesso modo. Tra le tante c'è sicuramente Napoleone che per paura di vedere la Francia invasa dai popoli confinanti ha fatto la guerra a tutta l'Europa e anche oltre. 
Altra figura storica emblematica che si considerava membro di una razza superiore e fautore di una società perfetta, è sicuramente Adolf Hitler di cui è superfluo parlare ma che da "intelligence non confermate" attualmente brucia nel profondo dell'inferno.

La differenza principale ai giorni nostri, tra i potenti del passato e i potenti di oggi, sta ancora nel concetto di "buono e cattivo". Napoleone era ambiguo, era buono ma anche cattivo, Hitler era riconosciuto cattivo quasi all'unanimità, Obama ad oggi è considerato il buono di turno indipendentemente da quanta gente muore a causa delle sue guerre e dei suoi reparti speciali. 

Speriamo solamente di non trovarci mai in contraddizione con il suo punto di vista perché... che si venga considerati buoni o cattivi... morire per mano di qualcuno... non fa piacere a nessuno. (pure il finale in rima..)
Max

venerdì 5 agosto 2011

KOSOVO: La circolazione al Nord dipende da un nuovo accordo tra NATO e minoranza Serba

Come riferiscono alcune agenzie stampa, sembra che la Missione NATO in Kosovo, la Kfor, sia riuscita ad accordarsi con le autorità parallele del Nord del Kosovo, popolato quasi esclusivamente da kosovari di etnia serba, per ripristinare la libera circolazione e rimuovere i blocchi stradali creati dalla popolazione.

La forza militare NATO ha raggiunto l'accordo mediando con le "autorità di fatto" del Nord, ciò significa che la dogana del Nord non verrà riaperta
.
Questo accordo ha scontentato il governo del Kosovo che, intraprendendo l'infelice azione di forza di qualche giorno fa, voleva stabilire il proprio controllo sui valichi di frontiera e soprattutto sui controlli doganali, rimediando invece solamente feriti e una nuova crisi con la minoranza serba, che poteva e doveva essere evitata. 

I blocchi stradali frutto della crisi, erano stati posti in essere dopo gli scontri tra la popolazione del Nord e le forze speciali della polizia kosovara-albanese, inviate a seguito di una infelice trovata del governo albanese del Kosovo, nella persona del primo ministro Hashim Thaqi, nel tentativo di portare a proprio favore i negoziati tra Belgrado e Pristina mediati dalla Comunità Europea, per risolvere la oramai decennale "questione Kosovo".

I negoziati che oramai si intavolano da anni, prima con la mediazione di ONU, USA, Russia ed EU e adesso solo con la mediazione della Comunità Europea e "l'occhio vigile" degli Stati Uniti, non sembrano destinati a raggiungere alcun punto di svolta e nessun accordo risolutivo. 

Questo perché fondamentalmente le parti si siedono al tavolo delle trattative per discutere due argomenti diversi: per parte della Serbia l'argomento di discussione è l'indipendenza del Kosovo e secondariamente la situazione del Nord Kosovo e il patrimonio religioso, per parte del Kosovo l'argomento da discutere sono i rapporti di vicinato dando per scontata e fuori discussione la propria auto dichiarata indipendenza.

Partendo da argomenti di discussione diversi è ovvio che un accordo non si può trovare.

Tornando alla crisi di qualche giorno fa che ha dimostrato l'impossibilità di Pristina di gestire il Nord, nonostante la presenza di tutte le autorità europee legittimate ad operare in Kosovo tra cui EULEX e soprattutto l'ICO capeggiato dall'EUSR (European Union Special Representative) Peter Feith, l'unica istituzione che ha trovato un accordo per ripristinare la libera circolazione nel Nord del Kosovo ed alleviare la crisi in atto, è quella assolutamente meno legittimata a stipulare accordi del genere: la Kfor.

La Kfor, forza militare della NATO, è ancora in Kosovo dopo anni e anni dalla fine della guerra con l'unico scopo di garantire l'indipendenza del Kosovo albanese. Indipendenza fortemente voluta dagli Stati Uniti come parte della loro politica di ingerenza in territori considerati strategici e in conseguenza della quale  si sono garantiti la base militare più grande al mondo fuori dal loro territorio.  

Nella sua qualità di forza militare, la Kfor non dovrebbe gestire o stipulare accordi politici, demandati appunto ad istituzioni politiche create ad hoc proprio a questo scopo, tanto meno dovrebbe occuparsi di "mettere una pezza" all'imbarazzo politico internazionale che viene creato dal governo del Kosovo ogni volta che prende decisioni avventate e sconsiderate come quella di qualche giorno fa, di inviare truppe speciali presso le frontiere del Nord, senza neppure coordinare tale sconsiderata azione con le autorità internazionali operanti in Kosovo. 

Chiaramente la Kfor si prende tali libertà a causa dell'immobilità di chi dovrebbe mediare la sconsideratezza dei governanti del Kosovo, ovvero l'ICO.

L'ICO, nella persona dell'olandese Peter Feith, è una istituzione che in pratica sostituisce la precedente figura dell'SRSG dell'ONU (Rappresentante Speciale ONU) e che dovrebbe avere l'ultima parola sulle decisioni politiche del Kosovo trattandosi, non dimentichiamolo, in base al "piano Athisaari" di un paese la cui indipendenza è subordinata alla supervisione internazionale. 

Il compito dell'ICO, sarebbe quello di guidare i governanti del Kosovo verso la creazione di istituzioni democratiche ed efficienti in base ai così detti "European Standards", evitando quindi che decisioni malsane come quella di prendere il controllo del Nord con la forza, venissero messe inutilmente in atto al costo di vite umane.

In conclusione siamo difronte all'ennesimo paradosso del Kosovo con le istituzioni politiche internazionali che non implementano il loro mandato e le loro funzioni, rimanendo confinate a meri osservatori passivi, mentre le autorità militari (NATO/Kfor), costose e delegittimate nella loro presenza (essendo la guerra terminata da altre 10 anni), si arrogano il diritto di concludere accordi con le autorità civili (legittime o di fatto) e con le minoranze etniche. 

Come sempre spero di sbagliare e vorrei essere smentito, ma in tutto quanto accade in Kosovo, non riesco proprio a trovare nulla di sensato.